Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa utilizzo di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per fruire del sito è necessario acconsentire o modificare le impostazioni del proprio browser. Per saperne di piu leggi l'informativa sulla privacy.

Progetto “Eredità del Novecento” - In occasione del "Giorno del Ricordo", martedì 11 febbraio 2020 gli studenti delle classi quinte del Liceo delle Scienze Umane e Musicale “Sebastiano Satta” di Nuoro, hanno incontrato il dottor Flavio Coss nato a Fiume, testimone della tragedia dell’esodo dall’Istria. La ricostruzione storica degli avvenimenti è stata affidata al professor Gianluca Scroccu, Ricercatore di Storia Contemporanea presso il Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali dell’Università di Cagliari.

Qui il servizio andato in onda su TeleSardegna.

La Legge 92/2004 ha istituito il Giorno del Ricordo che, il 10 febbraio di ogni anno, intende «conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale».

Per non dimenticare, martedì 11 febbraio 2020, dalle ore 11:30, gli studenti delle classi quinte del Liceo delle Scienze Umane e Musicale “Sebastiano Satta” di Nuoro, incontreranno il dottor Flavio Coss nato a Fiume, testimone della tragedia dell’esodo dall’Istria. La ricostruzione storica degli avvenimenti che hanno causato gli eccidi per infoibamento e l’esodo sarà affidata al professor Gianluca Scroccu, Ricercatore di Storia Contemporanea presso il Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali dell’Università di Cagliari. 

L’iniziativa si inserisce nel progetto “Eredità del Novecento”, che è parte integrante del Piano Triennale dell’Offerta Formativa d’Istituto e si propone l’obiettivo di contribuire a formare negli studenti la coscienza critica e la consapevolezza della cittadinanza attiva. Solo rinnovando la memoria degli avvenimenti più significativi del Novecento si potrà evitare che le tragedie che lo hanno caratterizzato si possano ripetere.bimba ricordo

Nell’ambito del progetto “Eredità del Novecento: i luoghi e i testimoni” mercoledì 22 gennaio 2020, nell’Aula Magna del Liceo Sebastiano Satta, si è tenuto l'incontro degli studenti con la signora Miriam Dell’Ariccia, scampata con tutta la famiglia alla deportazione del ghetto attuata dai nazisti il 16 ottobre del 1943. La sua coinvolgente testimonianza sulla tragedia che colpì gli ebrei di Roma a seguito delle leggi razziali, promulgate dal governo fascista nel 1938, ha profondamente colpito e commosso tutti i presenti. Per non dimenticare...

Qui il servizio sull'incontro, andato in onda su TeleSardegna.

A seguito della nota del MIUR del 17 gennaio 2020 si comunica che a partire dal 1° gennaio 2020 l’Agenzia delle Entrate, con l’emissione della Risoluzione n. 106/E del 17/12/2019, ha esteso la possibilità di effettuare il versamento unitario e la compensazione tramite il modello F24, consentendo agli interessati di risparmiare gli oneri di conto corrente. A tal fine sono stati istituiti i seguenti codici tributo:
• “TSC1” denominato “Tasse scolastiche – iscrizione”;
• “TSC2” denominato “Tasse scolastiche – frequenza”;
• “TSC3” denominato “Tasse scolastiche – esame”;
• “TSC4” denominato “Tasse scolastiche – diploma”.
Nella circolare interna n. 225   si riportano alcune indicazioni tratte dalla su citata risoluzione n. 106/E (allegata  alla circolare interna n. 208), sulle modalità del pagamento.


Terracina

Ieri, 8 dicembre 2019, è mancato Piero Terracina. Aveva 91 anni. Ci lascia uno degli ultimi testimoni della tragedia della Shoah, che ha profondamente segnato il Novecento. Non ci sono parole per descrivere Piero. Era passato attraverso l’inferno di Auschwitz-Birkenau, attraverso l’orrore dell’annientamento sistematico e scientifico dell’uomo sull’uomo e ne portava le profonde cicatrici. Le portava con grande coraggio, con una forza d’animo sorprendente, offrendo instancabilmente la sua testimonianza ai ragazzi delle scuole perché l’orrore non si ripetesse mai più. Era stato con noi Piero. Diverse volte. Chi ha avuto l’onore e la fortuna di ascoltarlo, di conoscerlo, non lo dimenticherà. La sua signorilità, la sua modestia, la sua sensibilità erano la più grande vittoria sulla ferocia e la bestialità. Il suo equilibrio era una autentica lezione di vita. Aveva visto l’inferno Piero, ma non voleva che altri lo vedessero. Mai uno spiraglio sull’orrore. Diceva sempre che mai avrebbe raccontato l’orrore. Il suo intento era annientarlo - l’orrore - e riaffermare l’Umanità. Con la testimonianza. Con le sue parole. Ora non ci sono più parole. Solo il ricordo. E il testimone che passa. A noi tutti. Esserne degni non sarà facile.

Addio Piero. Riposa in pace. Grazie di essere stato con noi.

Carla Rita Marchetti. Dirigente Scolastico del Liceo “Sebastiano Satta”

Venerdì 22 novembre 2019 nell’Aula Magna del nostro Istituto, nell’ambito del progetto “La mia scuola per la pace”, avente come scopo quello di educare gli alunni alla mondialità per aprirsi al prossimo, riconoscendo ognuno come persona portatrice di dignità e di valori inalienabili, si è svolta una conferenza con la dott.ssa Anna Maria Pisano volontaria AIFO (Associazione Italiana Amici di Raoul Follerau) e il Signor Antonio Gavumende testimone di solidarietà del Mozambico.

Qui il servizio sull'incontro, andato in onda su TeleSardegna.

 

“Giovani e spopolamento giovanile nel centro Sardegna”

Lunedì 11 Novembre 2019 sono stati presentati i risultati di una ricerca sociale realizzata da undici studenti delle classi terze e quarte del Liceo delle Scienze Umane in collaborazione con l’Impresa Sociale “Nuovi Scenari”. L’iniziativa è stata realizzata nell’ambito del progetto “Ricerca Sociale e Territorio” finanziato dalla Fondazione di Sardegna.
Qui il servizio realizzato per l'occasione da TeleSardegna.

 

Incontro il Dott. Carlo Mannoni e l’onorevole Roberto Deriu

Sabato 26 ottobre 2019, presso l’aula magna del nostro Istituto si è tenuto un incontro con il Direttore Generale della Fondazione di Sardegna il Dott. Carlo Mannoni e l’onorevole Roberto Deriu nel quale sono stati approfonditi i temi riguardanti il funzionamento del sistema economico unitamente alle prospettive di sviluppo e innovazione del nostro territorio.
Qui il servizio andato in onda su TeleSardegna per l'occasione. 

Il 28 e 29 ottobre 2019 presso l’Aula Magna del nostro Istituto, nell’ambito del progetto “La mia scuola per la pace”, tutti gli alunni del Liceo Sebastiano Satta sono stati coinvolti in due incontri con Egidia Beretta, madre del volontario Vittorio Arrigoni, ucciso a Gaza nell’aprile del 2011, attivista per i diritti umani, giornalista e scrittore. Scopo del progetto è quello di educare gli alunni alla solidarietà, alla difesa dei diritti umani e alla pace.